Cos’è la parodontite e quali sono le cause

Cos’è la parodontite e quali sono le cause

Prevenire è meglio che curare: ecco cos’è la parodontite e le sue conseguenze

Quando lavi i denti noti del sangue, hai l’alito cattivo e le tue gengive sono arrossate? Queste sono avvisaglie che non devi sottovalutare, perché i problemi gengivali possono evolversi in una malattia molto seria: la parodontite, il secondo e più grave disturbo gengivale.

Ma cos’è la parodontite di preciso e quali sono le cause? Vediamo perché è molto importante comprendere quali sono i sintomi e le conseguenze di questa infiammazione.

Cos’è la parodontite?

Detta anche piorrea o malattia del parodonto, è un’infiammazione dei tessuti di sostegno del dente, gengive, legamento parodontale e osso alveolare, che circondano e sostengono i denti, chiamati collettivamente parodonto.

La parodontite può portare alla perdita permanente dei denti, e richiede un trattamento odontoiatrico, medico o chirurgico.

Quali sono le cause della parodontite?

Ora che abbiamo visto cos’è la parodontite, vediamo le cause. Questa infiammazione è la conseguenza di una gengivite non trattata. Infatti, è provocata dall’accumulo della placca batterica al di sopra e al di sotto del bordo gengivale (l’area nella quale la gengiva incontra il dente), la sostanza che si forma a causa dell’aggregazione dei batteri, per lo più a causa di una scorretta o insufficiente igiene orale.

Se la placca non viene rimossa, innesca un processo infiammatorio che, inizialmente, interessa solo la gengiva (gengivite), ma col tempo si estende ai tessuti parodontali (o tasche parodontali), provocando la parodontite.

Cos’è la parodontite e quali sono le conseguenze

I danni ai tessuti innescati da questa infiammazione, possono portare a diverse conseguenze:

  • Sanguinamento delle gengive.
  • Deterioramento dell’osso alveolare.
  • Problemi di masticazione.
  • Dolore.
  • Alitosi.
  • Perdita dei denti.
  • Problemi nel parlare (a causa della posizione dei denti che cambia).

Come prevenire e curare la parodontite

Com’è facile evincere dalle cause della parodontite, è essenziale seguire una corretta igiene orale, non solo per scongiurare infiammazioni gengivali, ma per la salute dell’intero organismo, ma anche prevedere dei controlli periodici dal dentista, fin dalla tenera età.

Per effettuare una diagnosi precoce, rivolgiti allo specialista prima possibile, il quale provvederà a verificare l’effettiva presenza dell’infiammazione, attraverso il sondaggio parodontale, un esame che misura la dimensione del solco: si parla di tasca parodontale se la misura supera i 4-5 millimetri.

Una volta confermata la diagnosi, è possibile curare la parodontite con il laser, anche nelle fasi più acute. Si tratta di una tecnica che prevede di effettuare lo scaling e la levigatura radicolare, due manovre che rimuovono il tartaro sotto-gengivale, per poi intervenire con il laser a diodi, per eliminare completamente i batteri e sterilizzare le tasche parodontali.

L’utilizzo del laser in odontoiatria, si rivela efficace non solo nel trattamento della parodontite, ma anche nella cura delle carie nei bambini, perché assicura un migliore approccio curativo e risolve, nella maggior parte dei casi, le paure dei legate al rumore dei normali trapani.

Ora che sai cos’è la parodontite, e quali sono le cause, rivolgiti allo Studio Fadda per una visita di controllo. La dottoressa Giulia Fadda è specializzata in pedodonzia, quindi puoi fissare un appuntamento anche per i tuoi bambini, che troveranno un ambiente accogliente e un personale preparato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.