Afte nei bambini: i rimedi per la salute delle gengive

Afte nei bambini: i rimedi per la salute delle gengive

afte-nei-bambini

Dolorose e ricorrenti? Ecco come prevenire e curare le afte nei bambini

Piange spesso, soprattutto quando prova a mangiare, ed è comparsa qualche linea di febbre? Forse il tuo bambino sta avendo a che fare con delle fastidiose afte del cavo orale.

Ma di cosa si tratta nello specifico, quali sono le cause delle afte nei bambini, e come curarle? Andiamo a scoprirne di più.

Cos’è l’afta?

Le afte sono ulcerazioni dolorose del cavo orale,che si formano sulla parte interna delle guance e delle labbra, le gengive, la lingua. Le afte, o afte gengivali nei bambini, così come negli adulti, sono un disturbo abbastanza comune, che si presenta con delle bolle dalla forma rotonda o ovale, di colorito bianco-grigio e circondate da un alone rossastro.

In base alle dimensioni, se ne distinguono 3 tipi:

  • afte minori: sono le più frequenti (circa 80%), hanno dimensioni inferiori a 1 cm e si risolvono spontaneamente in 1-2 settimane senza lasciare cicatrici, in genere sono singole o comunque poche (2 o 3);
  • afte maggiori: hanno dimensioni maggiori di 1 cmguariscono più lentamente in 10-30 giorni, a volte lasciando cicatrici, e sono più dolorose;
  • afte erpetiformi: sono le meno frequenti, molto rare nel bambino. Si presentano come lesioni piccolissime (1-2 mm) ma sono numerose e confluenti tra loro, con disposizione a grappolo.

Sintomi e cause dell’afta nei bambini

Le afte sono sempre molto dolorose, quindi è normale che, soprattutto i bambini piccoli siano molto irrequieti e che piangano quando cercano di alimentarsi. Tra gli altri possibili sintomi dell’afta troviamo poi:

  • maggiore salivazione
  • febbre
  • ingrossamento dei linfonodi

L’afta è causata da un virus della famiglia Herpes, presente naturalmente nel nostro organismo in stato di letargo, che si riattiva in particolari situazioni di indebolimento del sistema immunitario, come ad esempio stanchezza o malattia.

Se le afte sono ricorrenti, sicuramente è presente una familiarità: se un bambino ha entrambi i genitori che hanno sofferto di afte ha moltissime probabilità di soffrirne. Comunque, in questi casi, è importante rivolgersi al medico, perché l’aftosi ricorrente può, anche se raramente, essere spia di diverse malattie.

In alcuni casi l’afta è causata da un trauma locale, da spazzolino, irritanti alimentari, morsi o da un problema locale di malocclusione, con conseguente microtraumatismo di alcune zone del cavo orale.

Quali sono i rimedi per le afte nei bambini?

Solitamente, se si tratta di poche bolle sulle gengive, il problema si risolve nel giro di 5-10 giorni. Se invece l’aftaè diffusa, persiste anche due settimane, risultando particolarmente dolorosa e fastidiosa per 5 – 7 giorni.

Durante la fase acuta è possibile alleviare il fastidio con rimedi naturali, come ad esempio la classica bustina di tè o bicarbonato in polvere da mettere a contatto con le bolle.

Per far alimentare il bambino, scegli alimenti freschi, come yogurt, latte e gelato, mentre evita quelli caldi, salati o aspri, che acutizzano il dolore.

In ogni caso, comunque è opportuno avvalersi di un consulto odontoiatrico: il dentista, infatti, verificherà o meno la presenza di malocclusioni e postura, che possono essere la causa delle afte nei bambini e, in caso, intervenire tempestivamente

Ricorda poi che è importante prevenire tali disturbi, abituando fin da subito i bambini a seguire una corretta igiene orale, insegnando loro a lavarsi i denti senza provocare traumi.

Se hai a che fare con questo disturbo, o se hai bisogno di prenotare una visita, contatta lo studio Fadda di Roma, specializzato in pedodonzia e quindi nella cura del cavo orale di bambini e ragazzi: disponiamo di un laser per la cura delle afte, il quale agisce con un fascio di luce che trasporta energia riducendo la sensazione dolorosa, fino alla carbonizzazione delle vescicole.

Leave a Reply

Your email address will not be published.